Home / Testi e Traduzioni / Buddha of Suburbia | Testo e Traduzione

Buddha of Suburbia | Testo e Traduzione

BUDDHA OF SUBURBIA

(Bowie)

Living in lies
by the railway line
Pushing the hair from my eyes
Elvis is English and climbs the hills
Can’t tell the bullshit from the lies
Screaming along in South London
Vicious but ready to learn
Sometimes I fear
that the whole world is queer
Sometimes but always in vain

CHORUS
So I’ll wait
until we’re sane
Wait until we’re blessed
and all the same
Full of blood, loving life
and all it’s got to give

Englishman going insane
Down on my knees in suburbia
Down on myself in every way

With great expectations
I change all my clothes
Mustn’t grumble at silver and gold
Screaming above Central London
Never bored,
so I’ll never get old

CHORUS

Day after
Day after
Day
Day after
Zane, Zane, Zane
Ouvre le chien1
Day after
Day
Day after
Zane, Zane, Zane
Ouvre le chien
Day after

IL BUDDA DELLE PERIFERIE

(Bowie)

Vivendo nella menzogna,
accanto alla ferrovia
Scostandomi i capelli dagli occhi
Elvis è inglese e risale le colline
Non si distinguono le cazzate dalle bugie
Gridando per le strade nel sud di Londra
Bizzarro ma pronto ad imparare
A volte ho paura
che tutto il mondo sia diverso
A volte ma sempre invano

RITORNELLO
Così attenderò
fino a quando saremo rinsaviti
Attenderò che saremo benedetti
e tutti uguali
Pieni di sangue, di vita piacevole
e tutto ciò che ci spetta

Gli inglesi stanno diventando pazzi
Giù in ginocchio in periferia
Ce l’ho con me stesso in tutti i modi

Mi cambio d’abito
con grandi speranze per il futuro
Non devo lagnarmi dell’oro e dell’argento
Gridando al di sopra del centro di Londra
Mai annoiato,
per questo non invecchierò mai

RITORNELLO

Giorno dopo
Giorno dopo
Giorno
Giorno dopo
Zane, Zane, Zane
Ouvre le chien1
Giorno dopo
Giorno
Giorno dopo
Zane, Zane, Zane
Ouvre le chien
Giorno dopo

Note:

L’album è la colonna sonora del serial televisivo Il Budda delle Periferie scritto da Hanif Kureishi e basato sul suo omonimo libro.
1 Bowie cita alcuni versi della sua All the Madmen (The Man Who Sold The World – 1971)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi