Home / Testi e Traduzioni / All The Madmen | Testo e Traduzione

All The Madmen | Testo e Traduzione

ALL THE MADMEN

(Bowie)

Day after day
They send my friends away
To mansions cold and grey
To the far side of town
Where the thin men stalk the streets
While the sane stay underground

Day after day
They tell me I can go
They tell me I can blow
To the far side of town
Where it’s pointless to be high
‘Cause it’s such a long way down
So I tell them that

I can fly, I will scream, I will break my arm
I will do me harm
Here I stand, foot in hand, talking to my wall
I’m not quite right at all…am I?

Don’t set me free, I’m as heavy as can be
Just my librium and me
And my E.S.T. makes three

‘Cause I’d rather stay here
With all the madmen
Than perish with the sadmen roaming free
And I’d rather play here
With all the madmen
For I’m quite content they’re all as sane as me

(Where can the horizon lie
When a nation hides
Its organic minds in a cellar…dark and grim
They must be very dim)

Day after day
They take some brain away
Then turn my face around
To the far side of town
And tell me that it’s real
Then ask me how I feel

Here I stand, foot in hand, talking to my wall
I’m not quite right at all
Don’t set me free, I’m as helpless as can be
My libido’s split on me
Gimme some good ‘ole lobotomy

‘Cause I’d rather stay here
With all the madmen
Than perish with the sadmen
Roaming free And I’d rather play here
With all the madmen
For I’m quite content
They’re all as sane as me
Zane, Zane, Zane Ouvre le Chien (rpt)

TUTTI I PAZZI1

(Bowie)

Giorno dopo giorno,
Portano via i miei amici
In edifici freddi e grigi
Nella parte lontana della citta’
Dove esili uomini camminano rigidi per le strade
Mentre quelli sani stanno sottoterra.

Giorno dopo giorno,
Mi dicono che posso andare
Mi dicono che posso sparire
Nella parte lontana della citta’
Dove non ha significato essere importanti
Perché è una lunga strada verso il basso
Così gli ho detto che

Posso volare, che griderò, mi romperò il braccio
Mi farò del male
Sto qui, il piede in mano, parlando alla mia parete
Non sto proprio bene… o no?

Non lasciatemi libero, sono così triste,
Solo il mio librium2 ed io
E col mio elettroshock3 siamo in tre.

Perché preferirei stare qui
Con tutti i pazzi
Piuttosto che morire con gli uomini tristi che vagano liberi
E preferirei giocare qui
Con tutti i pazzi
Perché sono proprio contento sono tutti sani come me.

(Dove può arrivare l’orizzonte
Quando una nazione nasconde
Le sue menti organiche in una cantina.., scura e torva
Devono essere tutti molto ottusi).

Giorno dopo giorno
Portano via qualche cervello
Girano la mia faccia
Verso la parte lontana della citta’
E mi dicono che è reale
Poi mi chiedono come mi sento.

Io sto qui, il piede nella mano, parlo con il muro
Non mi sento affatto bene.
Non lasciatemi libero, sono completamente senza speranze
La mia libido mi ha tradito
Fatemi una buona vecchia lobotomia.

Perché preferirei stare qui
Con tutti i pazzi
Piuttosto che morire con gli uomini tristi
Vagando libero e preferirei giocare qui
Con tutti i pazzi
Perché sono proprio contento
Che siano tutti sani come me.
Zane, Zane, Zane Ouvre le chien4

 

Note:

1 Il brano fu ispirato dalla permanenza del fratello acquisito di Bowie, Terry, nel Manicomio di Cane Hill

2 Il Librium è un medicinale abbastanza forte utilizzato per il trattamento di sintomi psicotici.

3 E.S.T.: (elettroshock therapy) terapia con utilizzo del trattamento di Elettroshock

4 “Zane” è una storpiature di “sane” (sano di mente), mentre Ouvre Le Chien fa riferimento alla scena al film “Un Chien Andalou” (1929) di Luis Buñuel e Salvador Dalì, che si apre con una delle scene più raccapriccianti della storia del cinema, quella di un uomo che taglia con un rasoio l’occhio di una donna (si trattava in realtà di un occhio di un bovino). Questo film è stato usato da Bowie come intro a tutti i concerti dell’Isolar tour del 1976.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *