Home / La Discografia Ufficiale / Never Let Me Down (1987)

Never Let Me Down (1987)

Never Let Me Down (1987)

Day-In Day Out
Time Will Crawl
Beat Of Your Drum
Never Let Me Down
(David Bowie/Carlos Alomar)
Zeroes
Glass Spider
Shining Star (Makin’ My Love)
New York’s In Love
’87 And Cry
Too Dizzy
(eliminato nelle ristampe)
Bang Bang (Iggy Pop/Ivan Kral)

Tutti brani sono scritti da David Bowie ad eccezione di quelli indicati

Data di uscita: 27 aprile 1987
Registrato ai Power Station Studios, New York
e agli Mountain Studios, Montreux


Prodotto da David Bowie e David Richards

MUSICISTI
David Bowie
(voce, chitarra, tastiere, mellotron, moog, armonica, tamburino)
Carlos Alomar
(chitarra, cori)
Erdal Kizilcay
(tastiere, batteria, basso, tromba, cori)
Peter Frampton
(chitarra)
Sig McGinnis
(chitarra)
Carmine Rojas
(basso)
Philippe Saisse
(piano, tastiere)
Crusher Bennett

(percussioni)
Earl Gardner
(tromba)
Stan Harrison
(sax alto)
Steve Elson
(sax baritono)
Lenny Pickett
(sax tenore)
Robin Clark, Loni Groves,
Diva Gray, Gordon Grodie

(cori)
Mickey Rourke
(rap in Shining Star)

CREDITS
Greg Gorman
(foto di copertina)

 

La recensione di Pierluigi Buda – Heathen958

Con Never Let Me Down, per la seconda volta dopo Tonight, David Bowie si ritrova a non svolgere più un ruolo trainante nella scena rock preferendo di lasciarsi guidare da più formule consolidate e senza darsi alcun ruolo. Il disco risulta a tratti incerto e spesso ipertrofico: le superflue sovrapposizioni di parti strumentali non portano i risultati sperati. Bowie usciva da esperienze positive: le colonne sonore, il successo incontrastato al Live Aid, la produzione per Blah-Blah-Blah di Iggy Pop. Ma quando si è trattato di rimettersi in gioco, non ha saputo/voluto orientarsi a dovere, producendo così un disco (in cui suona, produce, scrive e canta molto – e a tratti molto bene) pieno di un’energia (grazie all’inedita accoppiata Alomar/Kizilcay) che però vaga senza meta fra contraddizioni irrisolte (Beat of your Drum – Bang Bang) e potenziali non sfruttati a dovere (Zeroes). C’è più sforzo artistico/compositivo rispetto a Let’s Dance e Tonight, come dimostrano Day-in Day-out, Time Will Crawl, Never Let me Down, ma nulla sembra concretizzarsi pienamente. Bowie, felice e sorridente, lodava il disco (salvo poi nelle ristampe eliminare addirittura un brano, Too Dizzy), ma in effetti doveva sostenere il tour ad esso collegato. Citava il futurismo italiano, ma la copertina richiama il sipario di Picasso per il balletto Parade di Satie del 1917 e lo show univa con modi post-moderni Pina Bausch, Broadway e il rock – un Baz Luhrmann ante litteram, quindi non così disprezzabile come si usa fare. Ma la fragilità del disco si palesa più che mai sotto la sottile patina lucente ed energica e Zeroes o ’87 and Cry sono lì a dimostrarlo. Se Glass Spider assolve con dignità alla sua funzione teatrale (ancora una volta il futuro raccontato da un’ottica surrealista), altrove l’ispirazione latita (New York’s in Love o Shining Star, con il risibile intervento di Mickey Rourke). Ma siamo alla fine degli anni ottanta e forse pochi altri dischi hanno saputo ricalcare l’aspetto di una ridondanza che si sgretola su se stessa, tentando di sopravvivere a tutti i costi: in questo è l’opera tipica di un’epoca di per sé poco suggestiva. Se la vera arte andava cercata altrove, questa volta Bowie non lo capì per tempo. I testi a volte propongono interessanti aspetti di critica sociale (Day-in Day-Out), che verranno meglio sviluppati nell’operazione Tin Machine, o momenti più ricercati come Beat of Your Drum o Time Will Crawl, ma non sviluppano pienamente l’intenzione iniziale. Alla fine si resta storditi da un disco in cui Bowie non parla di sé, osserva l’esterno ma quasi senza la vera curiosità da artista, suona una buona musica ma senza magia. È un disco di passaggio che termina la sua corsa esattamente là dove era iniziata: in una specie di luccicante inconsistenza. Pur con una sua unicità: poiché mancano completamente i segnali di ciò che avverrà dopo, è il primo disco di Bowie che chiude un’epoca, piuttosto che aprirne una nuova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi