Home / La Discografia Ufficiale / David Bowie (1967)

David Bowie (1967)

 David Bowie (1967)

Uncle Arthur
Sell Me A Coat
Rubber Band
Love You Till Tuesday
There Is A Happy Land
We Are Hungry Men
When I Live My Dream
Little Bombardier
Silly Boy Blue
come And Buy My Toys
Join The Gang
She’s Got Medals
Maid Of Bond street
Please Mr.Gravedigger

Tutti i brani sono scritti da David Bowie

Data di uscita: 2 giugno 1967
Registrato al Decca Records Studio,
Hampstead, Londra

Prodotto da Mike Vernon

MUSICISTI
David Bowie
(voce, chitarra)
Dick Fearnley
(basso)
Derek Boyes
(organo)
John Eager
(batteria)

CREDITS
Gerard Fearnley
(foto)

 

La recensione di Lucabianco

Quando un profano pensa all’esordio di colui che sarebbe in seguito diventato Ziggy Stardust e l’esile duca bianco gli viene subito in mente Space Oddity. Eppure David Bowie prima della canzone che lo fece diventare famoso aveva già all’attivo questo disco che, anche se di poco precedente agli album che lo resero immortale, sembra lontano da essi anni luce. Nonostante tutto anche il giovanissimo ragazzo londinese riesce a riservarci qualche piccola sorpresa. Il disco parte con Uncle Arthur e Sell Me A Coat due piacevoli brani in pieno stile anni Sessanta e prosegue con le più interessanti Rubber Band e Love You Till Tuesday (che uscì come singolo). Si continua poi con una serie canzonette dalle melodie lievemente ripetitive epoco entusiasmanti come There Is A Happy Land, We Are Hungry Men e la romantica When I Live My Dream. Sono invece piuttosto sorprendenti il valzer della malinconica Little Bombardier e Silly Boy Blue. Come And Buy My Toys, Join The Gang e She’s Got Medals restano piacevoli all’ascolto pur non trasmettendo particolari sensazioni. L’album si conclude con la triste Maid Of Bond Street e Please Mr.Gravedigger dove il rumore di un temporale funge da melodia. L’album presenta gli ottimi testi di un giovane ragazzo che dimostra di essere un buon poeta e delle musiche che ascoltate oggi appaiono molto attempate. Si tratta di Bowie agli esordi che si limita a descrivere la sua vita e quello che accade itorno a lui senza particolari degni di nota. Sapendo quello che Bowie realizzò in seguito si riesce a individuare nei testi un po dello stile che avrebbe usato nelle canzoni degli anni a venire ma come già detto in precedenza avrà tutto il tempo per migliorare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi