Home / La Discografia Ufficiale / Bowie at the Beeb (2000)

Bowie at the Beeb (2000)

At the Beeb (2000)

CD1: IN THE HEAT OF THE MORNING | LONDON BYE TA TA | KARMA MAN | SILLY BOY BLUE | LET ME SLEEP BESIDE YOU | JANINE | AMSTERDAM | GOD KNOWS I’M GOOD | THE WIDTH OF A CIRCLE | UNWASHED AND SOMEWHAT SLIGHTLY DAZED | CYGNET COMMITEE | MEMORY OF A FREE FESTIVAL | WILD EYED BOY FROM FREECLOUD | BOMBERS | LOOKING FOR A FRIEND | ALMOST GROWN | KOOKS | IT AIN’T EASY
CD2: THE SUPERMEN | EIGHT LINE POEM | HANG ON TO YOURSELF | ZIGGY STARDUST | QUEEN BITCH | WAITING FOR THE MAN | FIVE YEARS | WHITE LIGHT WHITE HEAT | MOONAGE DAYDREAM | HANG ON TO YOURSELF | SUFFRAGETTE CITY | ZIGGY STARDUST | STARMAN | SPACE ODDITY | CHANGES | OH!YOU PRETTY THINGS | ANDY WARHOL | LADY STARDUST | ROCK’N’ROLL SUICIDE
CD3 (ltd. edition): WILD IS THE WIND | ASHES TO ASHES | SEVEN | THIS IS NOT AMERICA | ABSOLUTE BEGINNERS | ALWAYS CRASHING IN THE SAME CAR | SURVIVE | LITTLE WONDER | MAN WHO SOLD THE WORLD | FAME | STAY | HALLO SPACEBOY | CRACKED ACTOR | I’M AFRAID OF AMERICANS | LET’S DANCE

Data di uscita: 25 settembre 2000

Il duca decide di inaugurare il nuovo millennio guardando al passato e celebrandosi con un doppio CD che raccoglie il meglio delle performances radiofoniche registrate tra il 1968 e il 1972 per la BBC. Remasterizzate e mixate ex novo, i 37 brani che compongono l’album godono di un’ottima resa sonora e offrono uno squarcio brillante su un Bowie prima esordiente e poi già lanciatissimo verso il successo. Un album formidabile che non può mancare nelle audioteche dei più devoti seguaci bowiani. L’edizione limitata contiene anche un terzo CD in omaggio, che testimonia il concerto tenuto da Bowie, sempre alla BBC , nel giugno del 2000. Il primo live ufficiale dopo Stage, dove troviamo un Bowie maturo, con arrangiamenti patinati e una band affiatata, che snocciola tutti i suoi più grandi successi più qualche chicca mai eseguita dal vivo. La veste grafica è curata da Guy Peallert, lo stesso che disegnò la copertina di Diamond Dogs. È un piacere che un artista che è sempre stato un passo avanti rispetto a tutti, anticipatore di musiche e mode, si guardi ogni tanto indietro per regalarci qualche splendido album autocelebrativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi