Home / Bowie in Italia / RAI1 “Francamente me ne infischio” 21 Ottobre 1999

RAI1 “Francamente me ne infischio” 21 Ottobre 1999

Photo by Eric Feferberg

celentano1Il 21 ottobre David Bowie partecipa allo show di Adriano Celentano Francamente Me ne Infischio in onda su Rai1 alle 20.30. David interviene con la sua band (curiosamente con ruoli invertiti,Gail Ann Dorsey alla chitarra e Mark Plati al basso) interpretando Thursday’s Child, ma l’intervista di Adriano Celentano rimane un momento che molti vorrebbero cancellare. Per dovere di cronaca abbiamo riportato la trascrizione in inglese di Bowie, oltre alla traduzione simultanea che a parer nostro non ha aiutato la comunicazione tra i due.

(grazie a Federica per la trascrizione)
(grazie a Marc – www.stardustpage.com – per le foto)

Intervista (DB=David Bowie; T= Traduttore simultaneo; AC=Adriano Celentano)

DB Hello
AC Hello… Secondo te c’è il futuro? 
DB Ahah for me? Ya. For you?
T Secondo me? E secondo te?
AC Si

DB Ok ahah

AC Nel mondo ci sono, lo sappiamo che nel mondo c’è tanta gente, c’è troppa gente che soffre la fame, che muore di fame. 
DB Ya 
AC Tu pensi che, secondo te può cambiare questa cosa? Pensi che ci sarà un modo? Tu hai provato a pensare? 
DB Yes absolutely. Only if this add at a governmental and political level a commitment to actually make some change. If this is half hearted the change will be half hearted but it’s a major universal commitment that needs to be made. But who to instigate that? It has to come from the people we elected to power to make that commitment.
T Certo, solo se ci fosse un impegno politico governativo per fare questo cambiamento. Questo è l’unico modo per apportare un cambiamento. Quindi dev’esserci un impegno a livello universale e profondo  ma chi deve dar origine a questo? Deve essere la gente che è al potere a dar inizio a questo movimento. 
AC E secondo te perché la gente tarda a dare questo movimento? Forse per la bramosia di stare
DB Don’t ask me! 
T Non chiederlo a me! 
AC No certo no, ti faccio queste domande perché io tante volte mi chiedo, provo, mi domando e dico, cerco di organizzare, come, come se fosse una cosa in cucina, come se si dovesse preparare da mangiare, delle cose, come potrebbero risolversi le cose del mondo. Cerco di organizzarle così perché io non sono un politico, perché sono uno che anch’io mi sorprendo quando vedo la televisione e vedo certe cose, certe cose che abbiamo visto anche qui. Uhm, tante volte mi chiedo ma come, come si potrebbe fare, ecco, io per esempio penso, per esempio ti dico cosa penso io, io penso che se tutti i  ricchi si mettessero d’accordo del mondo, per cercare di, di pensare anche un po’ a quelli che stanno male, eh, forse questo si può fare, eh, cioè, è un’organizzazione…sembra… 
DB I think it’d be very important for anybody to tie a least percentage of what they make every year towards organizing a charity world course towards […] a course but it’s even better sense if, of say, a country that has its national product of something like two hundred billion dollars to tie a small percentage of that […] But it really needs to be instigate at a governmental level. But […] of course an individual should do something. 
T Sarebbe importantissimo, tutti dovrebbero tentare di donare una percentuale di quello che guadagnano ogni anno a, diciamo, alle organizzazioni di carità per varie cause, sarebbe anche meglio se un paese che ha un pil elevato, circa duecentomila dollari, duecento miliardi di dollari, scusate, se donasse una percentuale di questo pil a persone che invece sono più povere. Bisogna comunque agire a livello governativo, dev’essere il governo a iniziare queste cose ma ovviamente anche gli individui possono fare molto, le singole persone quindi.
AC Sì certo, sono d’accordo. E secondo te si può fare eh qualcosa per, per far cessare le guerre nel mondo, sempre eh anche questo… 
DB I don’t know!
T Non lo so. 
AC No, non si può fare? E allora come si fa? 
DB I’m not the person to ask! 
T Non sono la persona adatta a cui fare queste domande. ·
AC E adesso siamo sotto… 
 DB I’m getting radio Moscow 
AC Ma io, ma io non voglio… 
T Ho qui radio Mosca nel mio, nel mio orecchio, ho radio Mosca che interferisce.
AC No però io non voglio farti… ·
DB I’ve lost it. They’re gone. 
T Li ho persi, se ne sono andati. 
·AC Sì, no, io però non voglio farti una domanda per, per avere la spiegazione, voglio soltanto sapere cosa ne pensi tu. Io so che sei uno che pensa…
 DB Ahah 
AC Tu hai la faccia di uno che pensa. Non ti chiedo di, non ti chiedo di avere la risposta giusta oppure di avere la formula giusta per salvare il mondo, voglio sapere, sapere soltanto cosa ne pensi… 
DB I promise, I promise that I won’t start any wars! 
T Promess…prometto che non darò inizio ad alcuna guerra! Questo sì.
AC E secondo te…
DB This is all an individual can do. This is my individual promise. 
T Questo è comunque un impegno mio individuale, è una promessa mia personale. 
 AC Sì certo, e secondo te io invece darò inizio a una guerra? 
DB I met you this afternoon, I doubt it.
T Lo dubito, l’ho già detto oggi pomeriggio ma lo dubito.
AC Oh grazie, sei un amico.
DB World peace. 
AC Vai via?
DB World peace. Right here, right now, on this programme. No more wars, world peace. See what we can do. Two individuals. 
 T Facciamo pace, qui, in questo programma, in questo posto decidiamo che ci sarà la pace mondiale! Non ci sarà più nessuna guerra! Fantastico! Vediamo cosa riusciamo a fare. Due persone si sono impegnate. 
AC Perfetto, tu in Inghilterra e io in Italia. Ok? Sai cosa c’è? Che per fare questa cosa qui, adesso, per, per adempiere a questo impegno che ci siamo dati bisogna che io adesso m’imparo subito l’inglese. Io l’unica cosa che so è “you understand?”.
DB You understand?
T You understand, vero. 
AC Tu pensi che ci vedremo in futuro? 
DB Having met this occasion we never need to meet in the future
T Dato che ci siamo incontrati qui non è necessario che ci incontriamo in futuro. 
AC Bella risposta questa. Beh, devo dire che è stato un piacere conversare con te perché io ti ho sempre ammirato… 
DB Good to talk to you and good to sing for you. 
T E’ stato bello parlare con te e anche cantare per te. ·
AC Sì! Grazie, però l’hai detto un po’ in fretta. Quasi come se te ne volessi andare subito. Quasi come se volessi troncare il discorso. ·
DB You wanna learn me sing one song? Oh do you mean the conversation?
 T Vuoi dire che volevo troncare la conversazione così rapidamente? E’ questo che intendevi? 
AC Sì no 
DB Hey don’t stop me talking I’ll talk all night long! You’re kidding me? You don’t even know you don’t even wanna begin talking to me! I can talk under that fucking carpet, man! 
T Ho parlato per tutta la sera non fermatemi state scherzando? Non sai neanche cosa vuol dire, non puoi neanche iniziare a parlare con me! Ti posso parlare anche sotto il tappeto! 
AC Ah sì! E’ una proposta questa? Ahahahah ti ringrazio David. Tu sei forte. Spero di incontrarti ancora presto. Ciao.
DB Ciao.

 

 

Se avete altre informazioni o materiale che riguardano gli eventi descritti in questa pagina  scrivete a velvetgoldmine@velvetgoldmine.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi